Citando i rischi educativi, un gruppo di esperti esorta a riaprire le scuole.

Aggiornato il: ott 2


I bambini più piccoli, in particolare, sono mal serviti dall'apprendimento a distanza, secondo un rapporto pubblicato dalle American Academies of Science, Engineering and Medicine.





Entrando nel controverso dibattito sulla riapertura delle scuole, un autorevole comitato di scienziati ed educatori ha raccomandato che, ove possibile, i bambini più piccoli e quelli con bisogni speciali frequentino la scuola di persona.


Il loro rapporto - pubblicato dalla prestigiosa American Academies of Science, Engineering and Medicine, che consiglia la nazione sulle questioni legate alla scienza - è meno prescrittivo per le scuole medie e superiori, ma ha offerto un quadro di riferimento per i distretti scolastici per decidere se e come aprire, con l'aiuto di esperti di salute pubblica, famiglie e insegnanti.


Il comitato ha sottolineato le precauzioni di buon senso, come il lavaggio delle mani, l'allontanamento fisico e la riduzione al minimo delle attività di gruppo, compresi il pranzo e la ricreazione.


Ma gli esperti si sono spinti oltre le linee guida emanate dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie e da altri gruppi, chiedendo anche che le maschere chirurgiche siano indossate da tutti gli insegnanti e i membri dello staff durante l'orario scolastico, e che i rivestimenti per il viso in tessuto siano indossati da tutti gli studenti, compresi quelli della scuola elementare.


Dovrebbero essere effettuati controlli regolari dei sintomi, ha detto la commissione, e non solo controlli della temperatura. A lungo termine, le scuole avranno bisogno di migliorare i sistemi di ventilazione e di filtraggio dell'aria, e i governi federali e statali devono finanziare questi sforzi, ha affermato il rapporto.


L'apprendimento online è inefficace per la maggior parte dei bambini delle scuole elementari e per i bambini con esigenze speciali, ha concluso il gruppo di scienziati ed educatori.


Per quanto possibile, "dovrebbe essere una priorità per i distretti ristabilire l'apprendimento di persona, soprattutto per i più giovani", ha detto Caitlin Rivers, un'epidemiologa della Johns Hopkins e membro del comitato.



Fonte: https://nyti.ms/2CF6u4N

CONTATTI

Osservatorio Internazionale Famiglia

UCAM
Universidad Católica San Antonio de Murcia
Campus de los Jerónimos, Guadalupe 30107
(Murcia) - Spagna

info@familymonitor.net

press@familymonitor.net

©2019 Osservatorio Internazionale Famiglia