Come sostenere i genitori quando tornano a lavoro

Lavorare con un neonato è difficile, anche senza considerare la pandemia. Maria Karanika-Murray e Cary Cooper danno i loro consigli per facilitare l'adattamento



Tornare al lavoro dopo aver avuto un bambino è molto faticoso in circostanze normali, ma ora è particolarmente difficile. I genitori che tornano al lavoro devono attualmente affrontare un triplo sforzo per riadattarsi al lavoro, per occuparsi dei bambini e per affrontare le restrizioni legate alla pandemia che non c'erano quando sono andati in congedo.


C'è molta pressione. Per molti lavoratori, la pandemia ha significato il passaggio al lavoro a casa e allo stesso tempo la cura dei bambini, perché gli asili e le scuole sono chiusi. La pandemia può anche aver esacerbato le disuguaglianze esistenti nelle famiglie per quanto riguarda la divisione del lavoro, i ruoli di genere e il lavoro di assistenza non retribuito. Per alcuni, gli uffici chiusi avranno un accesso limitato anche ai colleghi e alle opportunità.


Come possiamo quindi aiutare i nuovi genitori a tornare al lavoro per la prima volta in queste circostanze insolitamente difficili? In questo articolo, offriamo cinque consigli per aiutare sia i nuovi genitori che i loro dirigenti a gestire la transizione verso il lavoro durante la pandemia.


1. Esaminare le mutevoli esigenze e richieste


Una buona corrispondenza tra le nostre esigenze e le richieste di lavoro è importante per il benessere, la soddisfazione del lavoro e la produttività. Sia le esigenze che le richieste di lavoro possono cambiare nel tempo e così anche la corrispondenza tra le due cose.

Prendersi del tempo per fare una revisione periodica in risposta a importanti cambiamenti della vita - come la paternità e la pandemia - è importante. Questo dovrebbe portare a una discussione tra il dipendente e il datore di lavoro per adattare i compiti alle circostanze, garantire la disponibilità di tutte le risorse necessarie e mantenere un buon equilibrio tra vita privata e la produttività.


2. Pianificare in anticipo


Organizzare in anticipo sia il congedo parentale che il ritorno al lavoro.

Può sembrare una questione di buon senso, ma non molti genitori hanno una discussione aperta con i loro dirigenti o datori di lavoro in anticipo per pianificare il congedo e il passaggio delle consegne o per adattare il loro lavoro prima di un ritorno graduale o completo. Le restrizioni della pandemia rendono essenziale una pianificazione così accurata, poiché l'accesso al supporto del manager o del collega non è così immediato.

Lavorare da casa significa anche che i confini fisici e temporali tra il lavoro e la casa sono inesistenti. Ciò può richiedere una riprogettazione di come e quando il lavoro viene svolto, al fine di organizzare l'orario di lavoro, le pause e il tempo della famiglia in modo che si adattino l'uno all'altro. Per bilanciare le esigenze del lavoro e della famiglia può essere necessario anche essere più strutturati con il lavoro a domicilio.


3. Attenzione agli stereotipi


Gli stereotipi delle madri (comprese le donne incinte) tendono ad essere negativi e possono contribuire alla "penalizzazione del salario di maternità" - il divario di retribuzione tra le madri lavoratrici e le donne simili senza figli a carico. Gli stereotipi dei padri, invece, possono essere positivi e contribuire a un "bonus di paternità".

Un buon primo passo per i datori di lavoro sarebbe quello di permettere al personale di adattare il proprio lavoro in base alle proprie esigenze

La perdita di tempo sociale e il contatto faccia a faccia durante il congedo parentale e la pandemia possono esacerbare gli stereotipi e il loro impatto negativo sulle prestazioni. C'è il rischio che questo possa portare a un trattamento differenziato e a una discriminazione indiretta.


4. Identificare le competenze rilevanti sia per la genitorialità che per il lavoro


La genitorialità è un periodo di formazione intensiva informale in cui si sviluppano importanti competenze trasferibili. Queste includono competenze relative alla persona (negoziazione, prospettiva), competenze tangibili (programmazione del lavoro, gestione di richieste multiple) e risorse personali (come il "capitale psicologico" - speranza, autoefficacia, ottimismo e resilienza).


5. Fare dell'equilibrio tra lavoro e vita privata una responsabilità condivisa


Un luogo di lavoro che promuove un buon equilibrio tra lavoro e vita privata può avere enormi benefici per la salute, il benessere e le prestazioni di tutta la forza lavoro. Un buon equilibrio tra lavoro e vita privata è il segnale che un'organizzazione si prende cura delle proprie persone.


Da The Independent

CONTATTI

Osservatorio Internazionale Famiglia

UCAM
Universidad Católica San Antonio de Murcia
Campus de los Jerónimos, Guadalupe 30107
(Murcia) - Spagna

info@familymonitor.net

press@familymonitor.net

©2019 Osservatorio Internazionale Famiglia