Coronavirus: code di persone affamate a Madrid dopo l'isolamento di COVID-19.

Una scia di fame lasciata dal COVID-19 sta inondando le strade di Madrid.



La Spagna ha recentemente fatto passi da gigante nel frenare l'epidemia di COVID-19. Ma milioni di residenti stanno ora pagando il prezzo di settimane di chiusura economica.


E per un numero crescente di persone, le banche del cibo e le associazioni di quartiere sono attualmente le uniche cose che contribuiscono ad attutire il colpo.


Secondo la federazione delle associazioni di quartiere, più di 100.000 persone nella capitale si rivolgono ai servizi sociali e alle reti di aiuto al vicinato per ottenere il cibo di cui hanno bisogno per sopravvivere.


La Spagna ha iniziato ad allentare gradualmente una delle più severe misure di blocco del mondo, introdotta a metà marzo per combattere la pandemia del coronavirus. Il COVID-19 ha ucciso più di 27.000 persone nel Paese e ne ha infettate più di 277.000.


Tuttavia, Madrid e Barcellona rimangono in gran parte chiuse e il governo centrale ha detto di aspettare fino a quando non miglioreranno le capacità di rintracciare nuovi casi.


Ciò ha portato a lamentele da parte dei leader regionali e a proteste giornaliere contro la chiusura a Madrid e in altre città, tra cui Salamanca e Saragozza. Il partito di estrema destra spagnolo Vox e il leader conservatore della regione di Madrid hanno espresso il loro sostegno alle manifestazioni, dicendo che l'economia della città deve ripartire presto per salvare posti di lavoro.


Secondo l'Istituto nazionale di statistica spagnolo (INE), il tasso di disoccupazione è salito al 14,4% nei primi tre mesi di quest'anno.


Secondo i dati ufficiali spagnoli condivisi con l'UE, più di 7 milioni di persone hanno chiesto una qualche forma di sovvenzione al governo - o perché hanno cessato la loro attività, o perché sono diventati temporaneamente o indefinitamente disoccupati.


Ma queste cifre non tengono conto dei lavoratori senza un vero e proprio contratto, che in precedenza offrivano i loro servizi sul mercato nero. Molti di questi lavoratori invisibili sono ora in fila per l'elemosina.


Fonte: https://bit.ly/2BTrYKu

CONTATTI

Osservatorio Internazionale Famiglia

UCAM
Universidad Católica San Antonio de Murcia
Campus de los Jerónimos, Guadalupe 30107
(Murcia) - Spagna

info@familymonitor.net

press@familymonitor.net

©2019 Osservatorio Internazionale Famiglia