Il divario di genere nella cura dei bambini aumenta durante la pandemia

Uno studio dimostra che le donne con figli sono state colpite in modo sproporzionato dalla chiusura delle scuole durante la pandemia



Secondo un nuovo studio del Center for Global Development, le donne dei paesi a basso e medio reddito hanno fornito un'assistenza aggiuntiva non retribuita ai bambini tre volte superiore a quella degli uomini durante la pandemia.


Lo studio, che aggrega i dati delle Nazioni Unite, della Banca Mondiale, dell'UNESCO, dell'OCSE e del Centro Wittgenstein con sede in Austria, stima che, in media, ogni donna che si prende cura di un bambino ha fornito fino a 173 ore aggiuntive di assistenza all'infanzia dalla chiusura delle scuole all'ottobre 2020, rispetto alle sole 59 ore aggiuntive degli uomini. Nei paesi a medio e basso reddito, queste cifre sono aumentate, con le donne che hanno fornito una media di 217 ore aggiuntive mentre gli uomini ne hanno fornite 70. Queste ore aggiuntive passate a prendersi cura dei bambini - una conseguenza della chiusura di massa delle scuole - sono state completamente non compensate.


Charles Kenny, senior fellow del CGD, dice che anche se tutti i genitori forniscono lavoro di cura non retribuito in un anno normale, la chiusura delle scuole ha aggiunto un carico extra di lavoro di cura che ha reso particolarmente difficile il funzionamento delle famiglie povere.


"In un anno normale, questa cura sarebbe stata fornita da insegnanti prescolari e insegnanti di scuola", dice Kenny. "E tutto questo non c'è più. Gli insegnanti erano pagati e ora improvvisamente l'onere della cura è passato a un gruppo di persone che non sono pagate per fare il lavoro. Tutti i genitori, me compreso, fanno assistenza non pagata in un anno normale. Ma questa è un'assistenza che, in un anno normale, sarebbe fornita da fornitori pagati e ora viene fornita in aggiunta al solito lavoro di cura che fanno i genitori poveri".


Prima della pandemia, le donne in tutto il mondo fornivano una media di 4,5 trilioni di ore di cura dei bambini non pagati all'anno, mentre gli uomini ne fornivano 1,4 trilioni. Dopo che la pandemia ha colpito, lo studio riporta che il numero totale di ore di assistenza all'infanzia non retribuita è aumentato del 12%.


Il divario di genere nella cura dei bambini è collegato al divario di genere nella disoccupazione legata alla pandemia, ma non lo spiega interamente, dice Kenny. Mentre la disoccupazione femminile è cresciuta più di quella maschile durante la pandemia, questo non spiega interamente il divario di genere nella cura dei bambini - il che implica che le donne si stanno assumendo la maggior parte delle ore aggiuntive di cura dei bambini, anche quando hanno altri impegni.


"Più imprese di proprietà di donne hanno chiuso rispetto a quelle di proprietà di uomini, ma se si guardano questi divari - sono grandi e sono importanti - ma sono piccoli rispetto al tipo di numeri che stiamo vedendo quando si tratta di assistenza all'infanzia supplementare che viene fornita", dice. "Questo suggerisce che le donne avrebbero dovuto destreggiarsi ancora di più del solito l'anno scorso. Non è facile vederlo nelle statistiche economiche, perché non appare come un lavoro perso o un'attività chiusa".


Tra i 24 paesi a basso e medio reddito presi in esame, lo studio indica che i caregiver in India - uno dei paesi più colpiti dalla pandemia - hanno svolto la maggior parte delle cure non retribuite dei bambini, pari a 176 miliardi di ore in più di cure non retribuite dei bambini in tutto il paese. Anche il divario di genere è stato più pronunciato in India, con le donne che hanno effettuato 360 ore in più di cura dei bambini rispetto a quelle che avrebbero fatto in un anno normale nel corso della pandemia, mentre gli uomini hanno assunto solo 33 ore in più di cura dei bambini non pagati.


Kenny attribuisce gli alti numeri dell'India a una combinazione di lunghe chiusure di scuole, alla sua alta popolazione e alla presenza di preesistenti divisioni di genere nella cura dei bambini che sono state solo esacerbate dalla pandemia.


Tuttavia, non tutti i paesi a basso e medio reddito hanno visto aumentare il divario di genere nella cura dei bambini. In Sudafrica, mentre le donne fornivano ancora la maggior parte della cura aggiuntiva dei bambini, le prove del rapporto CGD suggeriscono che durante l'apice del blocco del paese, la "distribuzione del lavoro potrebbe essere stata più equa che prima della pandemia".



Fonte: US News