L'economia globale potrebbe essere segnata da cicatrici insanabili, secondo il FMI.

La ripresa dell'economia globale dalla recessione pandemica è timida e disomogenea e "segnata da una significativa incertezza", come hanno confermato i casi di coronavirus diffusi in molti Paesi, hanno dichiarato i ministri dell'economia internazionali.



Il panel di definizione delle politiche del Fondo Monetario Internazionale delle 189 nazioni ha concluso un incontro virtuale giovedì con una dichiarazione congiunta che ha messo in guardia dai danni permanenti della peggiore recessione globale dalla Grande Depressione degli anni '30, a meno che i paesi non ricevano un ulteriore sostegno economico.


"La crisi minaccia di lasciare cicatrici durature sull'economia globale, come una crescita più debole della produttività, un aumento del debito, una maggiore vulnerabilità finanziaria e un aumento della povertà e della disuguaglianza", ha detto il panel del FMI.


"Questa è una crisi come nessun'altra", ha affermatoKristalina Georgieva, amministratore delegato del FMI, in una conferenza stampa di chiusura. "Richiede misure che consentano una ripresa come nessun'altra".


Il FMI si è dichiarato impegnato a sostenere "i paesi e le persone più vulnerabili". Ha approvato una proroga di sei mesi della sospensione del pagamento del debito che è stata approvata mercoledì dal gruppo dei 20 principali paesi industriali.


Il gruppo del FMI ha esortato il G-20 ad andare oltre e ad adottare, in una riunione il mese prossimo, un quadro per la gestione degli oneri del debito di molti paesi a basso reddito. I gruppi di sostegno internazionale sostengono che le nazioni ricche non dovrebbero limitarsi a sospendere i pagamenti del debito, ma condonare le grandi quote di debito che stanno lasciando i paesi poveri incapaci di dedicare le loro limitate risorse all'assistenza sanitaria e ad altri bisogni urgenti durante la pandemia.


Le riunioni autunnali dell'FMI e della sua organizzazione gemella di prestito, la Banca Mondiale, si sono svolte praticamente sullo sfondo dei danni che la pandemia ha inflitto al mondo. Nelle sue prospettive economiche, il FMI ha previsto che la crescita globale si ridurrà del 4,4% quest'anno, il che segnerà la peggiore recessione dai tempi della Grande Depressione. E la Banca Mondiale ha previsto che la pandemia potrebbe mandare altri 114 milioni di persone in condizioni di estrema povertà, definite come persone che vivono con meno di 1,90 dollari al giorno.


Eric LeCompte, direttore esecutivo del gruppo di aiuto internazionale Jubilee USA Network, ha detto che è necessario adottare ulteriori misure di riduzione del debito e altri provvedimenti.


"I paesi ricchi, che stanno prendendo decisioni per il mondo intero sulla crisi, sono più isolati dagli shock estremi", ha detto LeCompte. "Quasi il 90% di tutti gli stimoli globali sono stati spesi nei paesi ricchi e meno del 3% nei paesi in via di sviluppo".


Il comunicato del FMI ha detto che è necessario un maggiore coinvolgimento del settore privato nella concessione della riduzione del debito, così come un più ampio sostegno da parte dei governi.


La Cina, uno dei principali paesi creditori, è stata criticata dai gruppi di aiuto internazionali per non aver fatto abbastanza per concedere la riduzione del debito ai paesi a basso reddito. Pur non individuando la Cina per nome, il comunicato del FMI ha affermato che gli sforzi per la riduzione del debito hanno bisogno del "pieno sostegno" di tutti i paesi e di una maggiore trasparenza.


Gli Stati Uniti erano rappresentati alle riunioni finanziarie dal Segretario del Tesoro Steven Mnuchin e dal presidente della Federal Reserve Jerome Powell.


Nel suo discorso al panel del FMI, Mnuchin ha detto che gli Stati Uniti, la più grande economia del mondo, stanno facendo la loro parte per sostenere la ripresa "dispiegando il più grande pacchetto di aiuti economici della storia americana" con il passaggio della scorsa primavera del Congresso di 3.000 miliardi di dollari a sostegno dei lavoratori e delle imprese.


L'amministrazione Trump e il Congresso non sono riusciti a raggiungere un accordo su ulteriori aiuti dopo la scadenza di un sussidio di 600 dollari a settimana per i disoccupati, 500 miliardi di dollari in prestiti a breve termine perdonabili alle piccole imprese e altre forme di assistenza finanziaria.


Alla domanda su come l'incapacità dei funzionari statunitensi di approvare un maggiore sostegno potrebbe influire sull'economia globale, Georgieva ha detto ai giornalisti che l'azione decisiva intrapresa in primavera ha offerto aiuti di cui c'era un bisogno critico che hanno avuto effetti di ricaduta per l'economia globale.


"Non tagliare le linee della vita", ha detto.


Fonte: AP News

CONTATTI

Osservatorio Internazionale Famiglia

UCAM
Universidad Católica San Antonio de Murcia
Campus de los Jerónimos, Guadalupe 30107
(Murcia) - Spagna

info@familymonitor.net

press@familymonitor.net

©2019 Osservatorio Internazionale Famiglia