L'impennata dell'uso del banco alimentare: la crescente realtà della fame nei paesi ricchi

La fame è una piaga che ha cominciato a colpire anche i Paesi più ricchi



Sempre più persone soffrono la fame e si affidano agli aiuti per sfamare le loro famiglie nei paesi più ricchi del mondo.


Il Regno Unito offre un esempio lampante, come ha documentato Human Rights Watch. Da quando nel 2010 sono iniziati i tagli alla spesa pubblica per il benessere delle famiglie più povere, l'utilizzo della più grande rete di banche alimentari del Paese - che rappresenta circa i due terzi della distribuzione di aiuti alimentari - è salito di 50 volte, arrivando a 1,6 milioni di pacchi di emergenza distribuiti quest'anno. I piccoli fornitori indipendenti di aiuti alimentari sono passati dalla manciata di paesi di dieci anni fa a circa gli 850 di oggi.


Scuole, asili, centri comunitari, associazioni di beneficenza locali e gruppi religiosi sono intervenuti per colmare le lacune derivanti da un decennio di tagli. Oggi, molti forniscono cibo alle famiglie vulnerabili, spesso con genitori che lavorano, assicurandosi persino che i bambini abbiano un pasto caldo al giorno durante le vacanze scolastiche.

Il Regno Unito non è solo. La rete tedesca Tafel di circa 940 banchi alimentari, aperta nel 1993, ha fornito cibo a 1,65 milioni di persone quest'anno. Ha visto un costante aumento della domanda negli ultimi dieci anni e mezzo, con un numero sempre maggiore di donne, bambini e anziani che hanno bisogno di aiuto alimentare.


In Francia, la rete dei Restos du Coeur (Ristoranti del Cuore) ha distribuito circa 130 milioni di pasti nel 2017-18 (l'ultimo anno per il quale dispone di cifre) attraverso il suo programma di aiuti alimentari d'emergenza. Un terzo di questi aiuti è stato diretto alle famiglie monoparentali, e c'è una crescente preoccupazione per le persone anziane rimaste a dipendere dai loro sussidi.


Gli analisti che hanno studiato come i banchi alimentari siano diventati una caratteristica della vita quotidiana nel corso di decenni negli Stati Uniti e in Canada hanno avvertito che senza una chiara strategia per affrontare la fame e migliorare la sicurezza sociale, l'aiuto alimentare d'emergenza rischia di diventare permanente.

CONTATTI

Osservatorio Internazionale Famiglia

UCAM
Universidad Católica San Antonio de Murcia
Campus de los Jerónimos, Guadalupe 30107
(Murcia) - Spagna

info@familymonitor.net

press@familymonitor.net

©2019 Osservatorio Internazionale Famiglia