La famiglia: antidoto alla solitudine, oltre la pandemia



The Family: Antidote to Loneliness, Beyond the Pandemic: è questo il nome del webinar tenuto da FAFCE Giovedì 13 Maggio. Il webinar ha generato una discussione vivace sull'importanza della famiglia come forza di coesione, unità e pace. Ospiti dall'Europa e dal Medio Oriente hanno trattato della versatilità della famiglia e della sua capacità unica di soddisfare i bisogni universali di amore, intimità e appartenenza. Valeria Guarino, Segretaria Generale del Family International Monitor, ha moderato l'evento.


“La solitudine è la vera, pervasiva pandemia dei nostri tempi, un morbo che è stato semplicemente portato alla luce dalla pandemia di covid". Con queste parole Vincenzo Bassi, Presidente di FAFCE, ha spiegato come il covid ha esacerbato difficoltà a cui le famiglie erano già esposte come conseguenza di impostazioni sociali che le condannavano già a essere isolate. Isolamento che si verifica sia tra le famiglie sia all’interno degli stessi nuclei familiari. In questo complesso contesto di separazione le associazioni familiari possono essere le strutture che riconnettono ogni famiglia alla comunità che compongono, incentivandone la coesione e l’integrazione.


Marcela Szymanski, Capo dell'Ufficio dell'UE per gli Aiuti alla Chiesa che Soffre, ha posto poi l’attenzione sulla persecuzione che le famiglie cristiane stanno subendo nel mondo. Nonostante le difficoltà di vivere in contesti tanto pericolosi, queste comunità riescono a trovare una forza vitale straordinaria che scaturisce dalla naturale tendenza delle famiglie a legarsi e ad accettarsi.


Najwa e Nizar Halash, una coppia proveniente dalla Giordania, hanno testimoniato l’esperienza di un’importante associazione familiare che opera in tutto il mondo, l’Equipes Notre Dame. Di ispirazione cristiana, l’associazione si occupa di accompagnare le coppie nel loro percorso familiare in modo tale che “sperimentino la fiducia e la sicurezza che i bambini piccoli provano in presenza della mamma”.


Il presidente del Movimento dei 72 Discepoli, Kalman Daboczi, ha invece portato il punto di vista da ungherese sull’importanza della famiglia nello scardinare la solitudine a cui la società è sempre più abituata. Daboczi ha sostenuto la necessità che le famiglie collaborino nella fede per riuscire a crescere insieme e a sostenersi reciprocamente.


Infine il Vescovo William Shomali, Vicario per la Giordania e Vescovo Asuliario del Patriarcato Latino di Gerusalemme, ha sottolineato come la solitudine dell’uomo sia un problema atavico, già insito nel racconto della Genesi. Ha portato la sua esperienza di malato di covid. L’isolamento che ne è conseguito lo ha fatto riflettere sulla necessità dell’uomo di vivere relazioni reali e concrete e sull’incapacità costante di alcune famiglie di farlo. Le organizzazioni cristiane, ha continuato il Vescovo, con la loro capacità di fornire aiuti in zone con storie complesse, hanno un ruolo chiave nel sanare la solitudine che dilania gli animi delle famiglie.



Guarda il webinar completo