La famiglia in Africa a rischio di crescenti "malattie sociali"



La famiglia africana soffre silenziosamente nella sua fragilità e oggi presenta un aumento delle "malattie sociali": è quanto è emerso in un incontro virtuale tra gli accademici delle istituzioni cattoliche di 11 paesi in Africa, America, Asia ed Europa.


L'evento di martedì 23 giugno è stato organizzato dal Family International Monitor (FIM), un progetto di ricerca internazionale lanciato nel 2018 dal Pontificio Istituto Teologico Giovanni Paolo II per le Scienze del Matrimonio e della Famiglia in collaborazione con l'Università Cattolica di Murcia (Spagna).


Scopo dell'incontro è stato quello di condividere i risultati preliminari di un progetto di ricerca del FIM denominato "Family and Relationship Poverty", avviato nel maggio 2019 nell'ambito di un piano triennale. Lo studio ha coinvolto ricercatori di 11 paesi che hanno adottato il modello nel proprio contesto nazionale per produrre risultati locali.


Parlando all'ICA Africa il 24 giugno, la dott.ssa Beatrice Churu, decana della Scuola di Arti e Scienze Sociali del Tangaza University College (TUC) in Kenya e docente presso l'Istituto di Studi Giovanili del TUC, ha denunciato che in Africa alle famiglie è stata tolta la voce, situazione che sta uccidendo la società.


"Le famiglie, con le loro sfide e le loro domande specifiche, non hanno uno spazio dove parlare, sia nella Chiesa, sia nell'opinione pubblico, sia nei forum politici. Si parla di genere, si parla di donne, si parla di giovani, ma non si parla di famiglie. È importante che tutti pensino alla famiglia come a un'unità, "ci rivolgiamo alle donne, ai giovani e ai bambini, ma dobbiamo anche rivolgerci alla famiglia che dà identità alle persone", ha detto la dottoressa Churu.


Il rinascimento africano, il risveglio dell'Ubuntu e tutti gli altri risvegli che caratterizzano la ricostruzione in Africa "non andranno lontano senza la famiglia". I tassi di suicidio, depressione e altre malattie sociali sono in aumento perché la famiglia è diventata molto debole. "Quando la famiglia cade a pezzi, tutto nella società cade a pezzi".


A questo proposito, ha espresso preoccupazione per l'elevato numero di bambini vulnerabili nelle aree urbane del Kenya, dove le famiglie monoparentali sono in aumento rispetto alle famiglie con entrambi i genitori, e ha affermato che questa tendenza si sta diffondendo in tutto il Paese.


Si stima che in Kenya 8,6 bambini siano orfani o privi di adeguati bisogni materiali, sociali ed emotivi. Inoltre, circa 3,6 milioni di bambini delle zone rurali vivono in situazioni di vulnerabilità, di cui 646.887 orfani di entrambi i genitori e 2,6 milioni di orfani monoparentali. Almeno un milione di questi bambini ha perso i genitori a causa di malattie legate all'HIV.


La dottoressa Churu ha lamentato che le economie dei paesi africani non danno priorità alla famiglia. "La gente lascia la famiglia alle 5 del mattino perché alle 8 deve essere al lavoro e quando torna a casa i bambini dormono. Le famiglie non hanno vita".


Ha osservato che "le nostre giornate di lavoro potrebbero essere accorciate per salvarci la vita. Potremmo rendere i nostri posti di lavoro più adatti alle famiglie", e ha detto che la pandemia di COVID-19 ha insegnato alle persone che possono lavorare da casa ed essere comunque molto produttive, mentre passano più tempo con le loro famiglie.


Da parte sua, Imelda Diouf del Centro Sekwele per gli studi sulla famiglia in Sudafrica ha detto che "se c'è mai stato un momento nella storia sudafricana post-apartheid in cui il ruolo della famiglia dovesse essere sostenuto, è questo. Il Sudafrica deve prestare attenzione a mettere le famiglie al centro dello sviluppo.


Churu ha ricordato che gli africani vivono un'autenticità basata sulle loro famiglie, sulle piccole comunità, sui villaggi, sui quartieri e sui gruppi sociali e ha detto che la famiglia ha ancora la maggiore possibilità di rafforzare la società.


"Se riusciremo a rafforzare le nostre famiglie, daremo una base sicura alla ricostruzione che tanto desideriamo", ha aggiunto.


Ha anche affermato che le istituzioni accademiche devono creare spazi per gli studi familiari e l'educazione familiare. I risultati dello studio saranno riportati a livello pastorale e "attraverso la formulazione di politiche a livello pubblico".


Da parte sua, monsignor Vincenzo Paglia, cancelliere del Pontificio Istituto Teologico Giovanni Paolo II per le Scienze del Matrimonio e della Famiglia di Roma e della FIM, ha sottolineato l'importanza del tema affrontato dall'indagine e ha sottolineato che le famiglie sono il riflesso di tutti gli altri aspetti della società.


All'incontro virtuale hanno partecipato 70 accademici provenienti da diversi istituti di ricerca in India, Libano, Qatar, Benin, Kenya, Sudafrica, Italia, Spagna, Messico, Brasile, Cile e altri Paesi.


I ricercatori dei tre Paesi africani che hanno partecipato allo studio hanno collegato i loro risultati alle sfide che minacciano le famiglie del continente.


La maggior parte dei relatori sono stati rappresentanti del FIM come mons. Pierangelo Sequeri, Presidente del Pontificio Istituto Teologico Giovanni Paolo II per le Scienze del Matrimonio e della Famiglia, José Luis Mendoza Pérez, dell'Università Cattolica di Murcia, e Francesco Belletti, direttore del Centro Internazionale di Studi sulla Famiglia di Milano.


Presenti anche Imelda Diouf, del Centro Sekwele per gli studi sulla famiglia in Sud Africa; e il prof. Juan Pablo Faùndez Allier, della Facoltà Ecclesiastica di Teologia della Pontificia Università Cattolica di Valparaiso in Cile.


Tradotto da: https://bit.ly/3dYlyY1

CONTATTI

Osservatorio Internazionale Famiglia

UCAM
Universidad Católica San Antonio de Murcia
Campus de los Jerónimos, Guadalupe 30107
(Murcia) - Spagna

info@familymonitor.net

press@familymonitor.net

©2019 Osservatorio Internazionale Famiglia