La Nigeria aumenta i prezzi della benzina a causa delle ristrettezze del COVID-19

I prezzi della benzina sono saliti in Nigeria dopo che la nazione, ricca di petrolio, ha eliminato un sistema di sovvenzioni per la benzina a fronte di un crollo del budget dovuto al coronavirus.



Il costo del carburante alla pompa è aumentato di circa il 15% negli ultimi giorni, raggiungendo il record di 162 naira al litro (0,42 dollari), dopo che il governo ha proseguito con la deregolamentazione.


"In virtù di un mese il prezzo del carburante è stato aumentato due volte: è triste e scoraggiante, veramente scoraggiante", ha detto Julius Apeh, militare.


"Siamo noi le povere masse che soffrono, non loro, il loro interesse è rimanere a casa mentre li riforniamo".


La popolazione del Paese più popoloso dell'Africa, dove quasi la metà dei 200 milioni di abitanti vive in condizioni di estrema povertà, si è affidata per anni al combustibile, poco costoso.


La Nigeria è il più grande produttore di greggio dell'Africa, ma non ha quasi nessun impianto di raffinazione e le autorità hanno speso decine di miliardi di dollari per sovvenzionare le importazioni.


Ma il governo dice di non potersi più permettere di sovvenzionare il petrolio, visto che la pandemia di coronavirus sta distruggendo l'economia.


La Nigeria ha affermato che avrebbe cessato i sussidi all'inizio di quest'anno, dato che il calo dei prezzi del petrolio ha privato la Nigeria di una parte importante delle sue entrate.


Aumentando ulteriormente le difficoltà per gli abitanti di fascia media, il governo ha anche quasi raddoppiato il costo dell'elettricità da 33 a più di 60 naira per chilowatt.


Il presidente Muhammadu Buhari lunedì ha difeso i rincari, dicendo che sono state "decisioni cruciali" a causa della diminuzione delle entrate.


"Nel bilancio rivisto del 2020 non è previsto alcun sussidio per il carburante, semplicemente perché non siamo in grado di permettercelo, se si devono prendere provvedimenti ragionevoli per la salute, l'istruzione e altri servizi sociali", ha detto in un comunicato.


"Ora semplicemente non abbiamo scelta".


Fonte: Africa News - https://bit.ly/3c4gkua

Post recenti

Mostra tutti

Beirut: Historias de la devastación.

El padre Youssef Abi Zeid, director del Instituto de la Familia de la Universidad de La Sagesse, contó al Observatorio Internacional de la Familia las conmovedoras historias de quienes, tras la devast

CONTATTI

Osservatorio Internazionale Famiglia

UCAM
Universidad Católica San Antonio de Murcia
Campus de los Jerónimos, Guadalupe 30107
(Murcia) - Spagna

info@familymonitor.net

press@familymonitor.net

©2019 Osservatorio Internazionale Famiglia