La povertà negli Stati Uniti aumenta man mano che gli aiuti diminuiscono.

I tassi di povertà negli Stati Uniti sono in aumento, mentre gli aiuti pubblici diminuiscono nonostante le continue difficoltà economiche causate dalla pandemia.



Quasi 8 milioni di americani - molti dei quali bambini e minoranze - sono caduti in povertà da maggio, secondo i ricercatori universitari.


La settimana scorsa, quasi 900.000 persone hanno presentato nuove richieste di sussidi di disoccupazione - il numero più alto da agosto.


Gli analisti hanno chiesto aiuti per impedire che la ripresa economica si arresti.


Ma i politici di Washington sono stati in disaccordo su un accordo per mesi, con i colloqui delle ultime settimane messi in ombra dalle imminenti elezioni presidenziali e le dispute sulla Corte Suprema.


"La dura realtà è che sembra che non ci siano ulteriori aiuti da parte dei funzionari eletti a Washington", ha detto Mark Hamrick, analista economico senior di Bankrate.com.


Questa primavera, mentre la pandemia ha fatto perdere il lavoro a più di 20 milioni di americani, il governo degli Stati Uniti ha approvato più di $3tn (£2.3tn) in denaro di soccorso.


L'aiuto includeva assegni fino a 1.200 dollari per la maggior parte degli individui e denaro per aumentare temporaneamente i sussidi di disoccupazione di altri 600 dollari a settimana.


La massiccia ondata di spesa ha inizialmente attenuato lo sconvolgimento economico causato dal virus, spingendo i tassi di povertà a diminuire.


Ma queste cifre hanno ricominciato a salire quest'estate, con l'esaurirsi della spinta finanziaria una tantum degli assegni e l'espansione al sussidio di disoccupazione scaduto alla fine di luglio.


Un'analisi separata dei ricercatori dell'Università di Chicago e di Notre Dame ha stimato il tasso di povertà al 10,1% a settembre, in aumento rispetto all'11% di febbraio e al 9,3% di maggio.


L'aumento è in linea con l'aumento dei tassi di povertà nel mondo a causa della pandemia. La Banca Mondiale ha avvertito questo mese che la povertà estrema è destinata ad aumentare per la prima volta in oltre due decenni.


Il rapporto del Dipartimento del Lavoro ha mostrato un inaspettato aumento di 53.000 domande di disoccupazione della settimana precedente, che ha fatto salire le nuove richieste di risarcimento a un massimo di due mesi.


Più di 25 milioni di persone hanno continuato a riscuotere una qualche forma di indennità di disoccupazione a partire dal 26 settembre, ha affermato il Dipartimento del Lavoro.


L'economista della Wells Fargo Sarah House ha dichiarato che il rapporto ha mostrato "il rischio che la ripresa del mercato del lavoro vada al contrario".


Fonte: BBC

CONTATTI

Osservatorio Internazionale Famiglia

UCAM
Universidad Católica San Antonio de Murcia
Campus de los Jerónimos, Guadalupe 30107
(Murcia) - Spagna

info@familymonitor.net

press@familymonitor.net

©2019 Osservatorio Internazionale Famiglia