La psicologia della rivalità tra fratelli

Studi di osservazione hanno dimostrato che i conflitti tra fratelli possono verificarsi fino a otto volte all'ora. Altre ricerche hanno scoperto che le coppie di sorelle tendono ad essere le più vicine, e che le coppie di fratelli che includono un fratello sono le più conflittuali. "Il conflitto si riduce nell'adolescenza; in un certo senso si attenua", ha detto Mark Ethan Feinberg, professore di ricerca sulla salute e lo sviluppo umano alla Pennsylvania State University.



Come osserva Feinberg, il libro della Genesi, che comprende le "storie fondanti della psiche occidentale", è grondante di storie di fratelli assassini e bramosi, come Caino e Abele e Giacobbe ed Esaù. E queste storie svelano "i temi che i ricercatori esplorano oggi: azioni scellerate, conflitti per l'amore e le risorse dei genitori e la triangolazione dei bambini in conflitti parentali". La rivalità tra fratelli è così profonda che centinaia di anni fa, quando la mortalità infantile era molto più alta, i bambini sotto i 5 anni con fratelli più piccoli avevano più probabilità di morire. Queste morti erano probabilmente "legate alla maggiore prevalenza di malattie infettive infantili in tali famiglie, e livelli più bassi di nutrizione materna, e forse più generale concorrenza per l'attenzione dei genitori", ha detto Sarah Walters, professoressa associata di demografia presso la London School of Hygiene and Tropical Medicine e co-autrice di uno studio sui fratelli e la mortalità nel 19 ° secolo in Belgio.


Solo perché c'è da aspettarsi una rivalità tra fratelli non significa che non ci siano modi per mitigarla". Ecco cinque suggerimenti degli esperti per gestire i litigi tra fratelli e sorelle.


"Fate attenzione a ciò che tende ad accadere prima che scoppi un conflitto", ha detto Sally Beville Hunter, professoressa clinica associata in studi sull'infanzia e la famiglia all'Università del Tennessee, Knoxville. Se i vostri figli litigano ogni volta che giocano ai videogiochi, per esempio, assicuratevi di essere a portata d'orecchio quando si siedono a giocare.


Ascoltate le parole o i toni di voce particolari che usano, che sono combattivi, e cercate di intervenire prima che la situazione degeneri, aiutateli ad imparare a risolvere i conflitti. Una volta che gli animi si sono calmati, cercate di far sedere i vostri figli e di discutere il problema "senza biasimare o accusare", consiglia Feinberg.


Date a ogni bambino la possibilità di parlare, senza interruzioni, e fate in modo che cerchino di trovare da soli una soluzione al problema. Quando i bambini hanno raggiunto l'età della scuola elementare, possono "valutare quali di queste soluzioni sono vantaggiose per tutti e quali hanno più probabilità di funzionare e di soddisfarsi a vicenda nel tempo", ha detto.


Dovrebbero anche imparare a rivedere i problemi quando le soluzioni non funzionano più, lodarli in pubblico e punirli in privato. Se i vostri figli sono gentili l'uno con l'altro, "elogiateli a gran voce dappertutto", ha detto Hunter. Per esempio, "Mi piace che tu abbia lasciato andare tua sorella per prima". Ma se li stai criticando, cerca di farlo al di fuori dell'orecchio dell'altro bambino, perché potrebbe usarlo come munizione. La nostra figlia maggiore coglierà ogni occasione per comandare la sorellina ("Ricordati che la mamma ha detto che non puoi saltare giù dal divano!"). Il temperamento e la personalità dei vostri figli possono essere simili, oppure no.


Possono amare entrambi la danza, o uno ama la danza e l'altro vuole solo giocare a scacchi. Uno può essere rigido e l'altro è uno spirito libero. "Cercate di trovare attività comuni che permettano a tutti di essere flessibili e di sentirsi connessi", ha detto Vivona.


Da New York Post

CONTATTI

Osservatorio Internazionale Famiglia

UCAM
Universidad Católica San Antonio de Murcia
Campus de los Jerónimos, Guadalupe 30107
(Murcia) - Spagna

info@familymonitor.net

press@familymonitor.net

©2019 Osservatorio Internazionale Famiglia