Ngozi Okonjo-Iweala nominata nuova direttrice generale della World Trade Organization

La prima donna nera a guidare il WTO dice che darà la priorità al commercio equo, all'accesso ai vaccini Covid-19




Ngozi Okonjo-Iweala è stata confermata lunedì come direttore generale dell'Organizzazione Mondiale del Commercio, diventando la prima donna e la prima africana a guidare l'organismo commerciale globale.


Okonjo-Iweala è stata nominata dal WTO dopo che l'ultimo candidato rimasto, il ministro del commercio sudcoreano Yoo Myung-hee, si è ritirato dalla corsa. Entrerà in carica il primo marzo, inizialmente per un mandato che durerà fino all'agosto 2025.


Economista ed ex ministro delle finanze della Nigeria, Okonjo-Iweala godeva di un ampio sostegno da parte dei membri dell'OMC, tra cui l'Unione europea, la Cina, il Giappone e l'Australia. Gli Stati Uniti, sotto l'amministrazione Trump, avevano favorito Yoo.


Riforme profonde

Il WTO è stato istituito nel 1995 con l'obiettivo di promuovere un commercio aperto a beneficio di tutti. Negozia e amministra regole per il commercio internazionale e cerca di risolvere le controversie tra i suoi 164 membri.


Ma l'organizzazione ha lottato per prevenire le dispute commerciali tra gli stati membri, in particolare gli Stati Uniti e la Cina. L'organismo con sede a Ginevra è senza un direttore generale permanente da quando Roberto Azevêdo si è dimesso un anno prima del previsto in agosto.


Okonjo-Iweala ha riconosciuto la necessità di una riforma.


"È eccitante e scoraggiante allo stesso tempo. Non vedo l'ora di affrontare la sfida... sono necessarie profonde riforme per riorganizzare e riposizionare l'organizzazione", ha detto durante un'intervista con Christiane Amanpour della CNN.


Okonjo-Iweala ha dichiarato che l'intensificazione degli sforzi globali per combattere il Covid-19 è un'altra delle priorità.


"Una delle principali priorità che ho, che mi appassiona, è come il commercio e l'OMC possono giocare un ruolo più forte nel portare soluzioni alla pandemia del Covid-19, sia dal punto di vista della salute che da quello economico", ha detto alla CNN.


Okonjo-Iweala ha detto che mentre la ripresa economica dipende dal commercio, la soluzione delle sfide della salute pubblica richiede anche un "buon commercio".


Okonjo-Iweala ha trascorso 25 anni alla Banca Mondiale come economista dello sviluppo, raggiungendo la posizione di direttore generale. Ha anche presieduto il consiglio di amministrazione di Gavi, che sta aiutando a distribuire i vaccini contro il coronavirus a livello globale, dimettendosi alla fine del suo mandato a dicembre.


In risposta alle preoccupazioni che i paesi ricchi non stanno facendo abbastanza per condividere i vaccini, Okonjo-Iweala ha detto che l'OMC ha bisogno di "regole che consentano l'accesso e l'equità per i vaccini, e le terapie e le diagnosi".


"Questa è una grande questione per me, come risolvere ora la crisi pandemica?" ha detto durante l'intervista.


Paul Kagame, il presidente del Ruanda, aveva espresso la preoccupazione che i Paesi in via di sviluppo non siano in grado di accedere a forniture adeguate di vaccini per i loro cittadini.


"Le nazioni ricche e potenti si sono affrettate a bloccare le forniture di più vaccini", ha detto Kagame in un editoriale del quotidiano Guardian pubblicato il 7 febbraio.


"Peggio ancora, alcuni stanno accumulando vaccini - acquistando molte più dosi di quelle di cui hanno bisogno. Questo lascia i paesi africani e altri paesi in via di sviluppo o molto indietro nella coda dei vaccini, o senza alcuna possibilità di ottenerne", ha aggiunto il presidente del Ruanda.


Fonte: CNN



CONTATTI

Osservatorio Internazionale Famiglia

UCAM
Universidad Católica San Antonio de Murcia
Campus de los Jerónimos, Guadalupe 30107
(Murcia) - Spagna

info@familymonitor.net

press@familymonitor.net

©2019 Osservatorio Internazionale Famiglia